Edilizia scolastica 2015-2017, sbloccati 905 milioni per 1.300 interventi

Dai primi di giugno è disponibile online sul sito del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, l’elenco completo degli interventi relativi alla prima Programmazione nazionale per l’edilizia scolastica per il triennio 2015/2017. Si tratta di oltre 6.000 progetti, individuati in base alle priorità indicate dalle Regioni e dagli Enti locali, per un fabbisogno di circa 3,7 miliardi di euro.
“La Programmazione unica nazionale di cui l’Italia si dota oggi per la prima volta – spiega il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini – scatta la fotografia delle necessità delle scuole e ci consente di fare quello che in passato non si è fatto: individuare in anticipo e su più annualità consecutive gli interventi da realizzare”. Le priorità individuate dagli Enti locali saranno via via finanziate con le risorse disponibili nel corso del triennio. La prima tranche di 1.300 interventi sarà realizzata grazie ai mutui agevolati (mutui BEI, Banca Europea degli Investimenti), che le Regioni potranno accendere con oneri di ammortamento a carico dello Stato, per un totale di 905 milioni di euro di finanziamento. Fra i primi 1.300 interventi circa il 25% riguarda nuove costruzioni, il rimanente 75% è relativo a manutenzione e ristrutturazione di edifici esistenti.
Saranno finanziati lavori di ristrutturazione, messa in sicurezza, adeguamento antisismico, efficientamento energetico di scuole, immobili all’Alta formazione artistica, musicale e coreutica o adibiti ad alloggi e residenze per studenti universitari. Si potranno costruire nuovi edifici e realizzare palestre.  Beneficiari dei mutui saranno gli Enti locali proprietari degli immobili che dovranno procedere all’aggiudicazione almeno provvisoria degli interventi entro il 31 ottobre 2015.

Vai ai documenti:
(http://www.istruzione.it/edilizia_scolastica/programmazione.shtml#b)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.