Infortuni e malattie sul lavoro: un aggiornamento delle tariffe Inail

A quasi vent’anni dall’ultimo aggiornamento, dal primo gennaio è in vigore il nuovo impianto tariffario per l’assicurazione contro gli infortuni e le malattie professionali. L’opuscolo informativo realizzato dalla Direzione centrale pianificazione e comunicazione, dalla Direzione centrale rapporto assicurativo, dalla Consulenza statistico attuariale e dalla Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione centrale, è consultabile online sul portale Inail.

La revisione nasce dall’esigenza di attualizzare la mappatura dei processi lavorativi tenuto conto dei cambiamenti economici, delle nuove modalità organizzative del lavoro e dello sviluppo tecnologico. Il nuovo nomenclatore tariffario, in particolare, è stato reso più aderente agli attuali fattori di rischio attraverso una significativa contrazione del numero delle voci di tariffa, che sono passate da 739 a 595. Confermata la riduzione del premio per gli interventi di prevenzione realizzati in ambito aziendale, così come l’impegno per il sostegno dei progetti di investimento e formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro previsti dal Testo Unico del 2008.

L’opuscolo è articolato in cinque sezioni: revisione della tariffa ordinaria dei dipendenti delle gestioni Industria, Artigianato, Terziario e Altre attività, che si traduce in una riduzione del tasso medio complessivo del 32,72% rispetto a quello del 2000; struttura delle nuove tariffe; modalità di applicazione delle tariffe che prevede anche la riduzione per il settore edile; tariffe dei premi per altre gestioni tariffarie come quelle degli artigiani autonomi e degli addetti al settore navigazione e alla pesca marittima; miglioramento delle prestazioni economiche correlato al nuovo impianto dei premi (assegno una tantum in caso di evento mortale, nuove tabelle di indennizzo in capitale del danno biologico, istituto della “Vivenza a carico”).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.