Scuole: pubblicata la ripartizione regionale delle risorse per l’ispezione dei solai

In attesa della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del decreto, già registrato alla Corte dei Conti il 24 settembre con n. 3930, è possibile consultare il riparto delle risorse su base regionale e provinciale.  Si va dai quasi 6 milioni di euro assegnati alla Lombardia, agli oltre 3 milioni per Piemonte, Veneto, Lazio e Campania. A Emilia Romagna, Puglia, Sicilia, Toscana andranno oltre 2,5 milioni, mentre il finanziamento previsto per ciascuna delle regioni Friuli Venezia Giulia, Liguria, Abruzzo, Marche e Calabria è compreso tra 1 e 2 milioni di euro. Chiudono con meno di un milione di euro Umbria, Sardegna, Basilicata, Molise e infine Valle d’Aosta con circa 300 mila euro.
Ricordiamo che sul sito del Miur è stata annunciata l’imminente pubblicazione del bando nazionale, entro il 15 ottobre, con procedura online da € 40 milioni per le indagini diagnostiche sui solai di almeno 7.000 scuole.
Sono quattro i criteri individuati per la selezione degli interventi:
– vetustà degli immobili, con particolare riferimento agli edifici costruiti prima del 1970;
– quota di cofinanziamento;
– indice di rischio sismico;
– assenza di finanziamento negli ultimi 5 anni, per interventi strutturali o per indagini diagnostiche.
Gli Enti locali potranno candidarsi per attivare le indagini attraverso una piattaforma web che sarà messa disposizione nei prossimi giorni insieme al bando.
Inoltre, accogliendo una richiesta dell’Associazione nazionale comuni italiani, è stata decisa la proroga al 31 dicembre 2015 dei termini per l’aggiudicazione provvisoria degli interventi finanziati attraverso lo strumento dei mutui Bei. Tra gli argomenti esaminati anche i tempi e le modalità di aggiornamento dell’Anagrafe dell’edilizia scolastica, pubblicata sul sito del Miur nei mesi scorsi dopo venti anni di attesa.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.